29 marzo - un evento indimenticabile

Un evento memorabile

Un evento memorabile… E non è la solita sviolinata di circostanza! La cerimonia di conferimento alla quale ho avuto l’onore di partecipare nella giornata di ieri, 29 marzo, è stata in assoluto la migliore di tutte quelle a cui ho assistito.

I numerosi ed eccezionali ospiti, del mondo letterario, teatrale, musicale e non solo (personaggi di spicco e di vero spessore), hanno indubbiamente dato lustro ad una manifestazione già di per sé davvero speciale.

E’ stato magnifico vedere come, non appena aperte le porte, un fiume di persone provenienti da tutta Italia, abbia letteralmente inondato la platea offrendo un impatto visivo non inferiore a quello dei magnifici affreschi settecenteschi che adornano la splendida sala di Villa Visconti.

Altrettanto incredibile la presenza di più di cento autori, molti dei quali accompagnati da parenti o amici, giunti da ogni angolo del paese seppure non premiati. Amanti dell’arte e della poesia che hanno dato forma ad un pubblico caldo, attento e partecipe, che non si è risparmiato negli applausi, e che a fine evento non ha mancato di congratularsi con tutti gli addetti ai lavori.

Vi riporto un paio di commenti che ho raccolto personalmente e che per me sono particolarmente esemplificativi:

(a inizio evento) Io: “Ci sono dei posti liberi anche più avanti se vuole” Ospite: “No, grazie! Preferisco sedermi nell’ultima fila, vicino all’uscita” poi parlandomi all’orecchio “Così posso sgattaiolare via in qualsiasi momento!” (a fine evento) Io: “Dunque si è fermato?” Ospite: “Non ho parole! E’ stato tutto bellissimo, proprio non me lo aspettavo… Grazie!”

Quando tutto era ormai finito e anch’io stavo per prepararmi a lasciare Villa Visconti, noto la signora addetta al guardaroba farmi un gesto invitandomi ad avvicinarmi: “Signora, che meraviglia! Ho guardato tutto da qui ed è stato bellissimo; volevo farvi i miei complimenti! Ho visto tutte le persone uscire con il sorriso sulle labbra e non ce n’è stata una che non abbia detto che è stato magnifico…”

E’ andata avanti per un po’ elogiando ogni singolo momento ed io, un po’ stanca ma felice del buon esito, mi sono sentita orgogliosa più che mai di aver dato il mio modestissimo contributo alla preparazione di questa giornata indimenticabile.

Poesia per la poesia

Concludo questo articolo dedicando a L. Ron Hubbard, ispiratore della manifestazione, e a tutti i poeti del mondo, dei versi della grande ed indimenticabile Alda Merini:

“I poeti lavorano di notte
quando il tempo non urge su di loro,
quando tace il rumore della folla
e termina il linciaggio delle ore.
I poeti lavorano nel buio
come falchi notturni od usignoli
dal dolcissimo canto
e temono di offendere Iddio.
Ma i poeti, nel loro silenzio
fanno ben più rumore
di una dorata cupola di stelle.”

Alda Merini

Alda Merini

Photo credits | youtube.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *